Il mio Diario.

domenica 15 agosto 2010

30/03/10 Tacco 16!!!





Fra le mie gambe la Sua volontà di usarmi...
Docile e eccitata eseguo ogni Suo ordine...
Sapevo bene l' effetto che le nuove scarpe avrebberò fatto...

Lunghi minuti solo nostri in cui mi preparo; le calze a rete da puttana scivolano lente su dal piede, accarezzano la caviglia, i polpacci e cingono le cosce...
perfette avvolgono le mie gambe per compiacere i Suo sensi!!!
Il reggiseno e gli slip, sono neri in tulle che lasciano trasparire i miei seni, il mio sesso, il mio sedere... tutto è fatto per deliziare i Suoi sensi!!!
In ginocchio con gli occhi chiusi e un sorriso malizioso, lecco con cura e amore le mie scarpe nuove...
la mia lngua a punta lascia lunghi rivoli di saliva sulle suole e lascio affondare nella mia bocca, con ingordigia, i tacchi, li gusto lentamente, mentre li spompino...
La mia figa cola già di piacere, ma è presto per godere; non sono ancora pronta.
Indosso i miei trampoli, quei sedici cm mi donano; davanti allo specchio dell' armadio espongo i miei seni e indosso le mollette, due per ogni capezzolo.
Con gli occhi puntati sulla mia immaggine riflessa faccio scivolare in me il vibratore, fa un po' di resistenza, una piccola smorfia prima del piacere di sentirmi piena...
Il trucco è perfetto, semplice e curato, non chiassoso e non volgare; i miei capelli profumano di balsamo e accarezzano il mio ecciatissimo viso...
Mi guardo soddisfatta, sono pronta!!!

Le mani poggiate contro il muro all' altezza della mia testa, il sedere bene in fuori e le gambe divaricate... in questa posizione aspetto la Sua voce!!!
Gusto l' attesa, mentre il vibratore tormenta il mio culo, lo sento dentro me e la voglia di spingerlo dentro e infinita... aspetto!!!
Lentamente sento i miei capezzoli gonfiarsi di desiderio, nella mia mente l' attesa è un lunghissimo preliminare... il desiderio mi riempie, tutto in me desidera, anche le gambe doloranti mi danno piacere. La mia saliva cola fuori dalla mia bocca, la sento scivolare sul mio collo e fermarsi sul collare che stringe la mia gola!!!
Ansimo e perdo il controllo di me...
Adesso sono pronta per Lui!!!

La Sua voce calma e calda mi rapisce, i Suoi ordini sono i miei desideri, ogni parola mi accompagna verso l' orgasmo... tutto in me è abbandonato a Lui...
Sono le Sue mani che mi allargano bene le gambe e frugano in me...
Sono le Sue mani che spingono il vibratore dentro con forza per scoparmi bene...
Sono le Sue mani che mi strappano l ' orgasmo dalle viscere...
Urlo, urlo, e con le mie urla la mia mente abbandona il raziocinio e chiedo ancora e ancora!!!
Sono accontentata, ogni mia piccola perversione viene relizzata...
Imprigionata dalla Sua fantasia e liberata da tutti ciò che mi trattiene...
Nulla se non la Sua presenza...

Il mio trucco cola, i miei capelli sono arruffati... riempita e svuotata mi godo il Suo compiacimento che mi appaga...
Sento il mio odore di femmina soddisfatta riempire la stanza... la Sua voce continua a deliziarmi e stuzzicarmi...
"Togliti le scarpe Diamante!!!" .
Docile scendo dai miei trampoli e li metto ordinatamente di fronte a me...
"Pulisci bene il tacco!!!" .
Felice mi arrendo ancora, lentamente lucido il tacco...
"Pulito? Bene adesso scopati il tacco Diamante!!!" .
Lentamente lo lascio entrare in me... lo sento freddo e umido della mia saliva, il piacere arriva all' improvviso, lo sento montare dai piedi e arrivare dritto alla gola!!!
Mugulo il mio orgasmo e ringrazio...
"Tiralo fuori!!!" .
Ubbisico... i miei umori brillano e fanno da contrasto con la pella nera...
"Pulisci bene anche l' altro tacco e poi scopati il culo!!!"
Ansiosa di soddisfarLo lecco e lubrifico bene... lo spingo dentro con decisione, fa male solo per un secondo, mi scopo la mia scarpa, la Sua voce mi guida e spinge verso la totale perdita di controllo... mi perdo mentre mi scopo e avita lecco il mio piacere sul tacco...
Usata... svuotata... riempita... soddisfatta, mi dono!!!

Non immagginavo tanto piacere da un semplice paio di scarpe...
la Sua mente mi sorprende sempre!!!

Diamante Magnifica.

1 commento:

  1. quanto sogno di vivere finalmente quello che tu vivi.
    tremare davanti al mio Maestro che forse un giorno mi sottoporrà a prove come quelle che il tuo stupendo Padrone ti fa vivere, con questa fantasia stupenda, neppure nei miei sogni più perversi osavo immaginare che scarpe potessero esser usate così, e ora guardo le mie scarpe con occhi diversi (scusami arrossisco un pò nel dirtelo, sono una sciocca perdonami).
    Sei fortunata ad avere un Padrone così fantasioso e abile, grazie di condividere queste bellissime e incredibili sensazion.
    Forse un giorno anche a me sarà permesso dire appartengo.

    ancella timida

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento...
Diamante

Utenti connessi