Il mio Diario.

venerdì 10 dicembre 2010

Con cura.

Ero su di te, stavo impazzendo.
Cercavi di tenermi ferma ma io mi muovevo per sentirti sempre più dentro di me.
Le tue mani torturavano i miei capezzoli, mi tiravi verso la tua bocca.
Ogni bacio era un infinito piacere,
ogni mio orgasmo mi faceva tremare sentivo, la mia figa gonfiarsi attorno al tuo cazzo...
Sbavavo come una cagna, la mia saliva scendeva sul mio collo e tu, perfido amore, me la spalmavi sul viso.
Non ragionavo più, mi ero persa.
Sentivo i tuoi colpi sui miei seni,
ogni schiaffo io ti ringraziavo, e tu aumentavi il ritmo.
I miei seni erano gonfi, mi facevano male, vedevo già affiorare i lividi.
Ma i colpi più forti, più cattivi erano per il mio viso.
Ero riuscita a contarne solo dieci, sentivo le labbra gonfiarsi.
I tuoi occhi brillavano, vedevo che il mio smarrimento ti eccitava,
ero smaniosa di quel dolore,
pelle sulla pelle,
pelle nella pelle...
Eri così cattivo, le tue mani ti facevano male, ma eri soddisfatto.
Con cura mi hai slegata,
mi hai tolto il reggiseno, le scarpe, il collare,
con attenzione mi hai portata in bagno, mi hai aiutata ad entrare nella vasca, e mi hai lavata.
Sentivo il tuo orgoglio mentre ti prendevi cura della tua schiava...
Poche ore dopo in macchina mentre mi guardavo nello specchietto retrovisore,
non potevo non ammirare i lividi sui seni e le mie labbra gonfie!!!


Diamante Magnifica

2 commenti:

  1. ...toccante e molto cruda...realtà e sincerità è quello che trapela a vista...chi poi come Me sa "qualcosa" in più....riesce a leggere esattamente e per intero quello che vuoi esprimere!!! BRAVA DIAMANTE...
    De Sade

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento...
Diamante

Utenti connessi