Il mio Diario.

domenica 2 gennaio 2011

AUTOLESIONISMO

Il comportamento autolesionista (Self-Injury) consiste nel procurarsi ferite al corpo in modo deliberato, ripetitivo, impulsivo ma non letale. Esso include tagliarsi, graffiarsi, strapparsi croste o interferire con la guarigione di ferite, bruciarsi, pizzicarsi, provocarsi infezioni, inserire oggetti in ferite, procurarsi lividi e ferite, strapparsi i capelli, sbattere la testa o altre parti del corpo contro il muro, e altre forme di dolore fisico auto inflitto. Le parti più colpite sono gli avambracci e le gambe. L’incidenza attuale è stimata pari all’1% della popolazione, con maggioranza femminile. L’età di esordio è la pubertà. I soggetti che manifestano tali comportamenti hanno un alto quoziente intellettivo ma un livello molto basso di autostima. Più del 50% riporta di aver subito un abuso sessuale o altri tipi di violenza durante l’infanzia. Il 90% dichiara di aver ricevuto unaeducazione repressiva nell’espressione delle emozioni, in particolare la rabbia e la tristezza.
Il soggetto autolesionista cerca di minimizzare e nascondere le ferite sotto i vestiti, trovando scuse come incidenti o graffi di animali, allo stesso tempo egli lancia un grido silenzioso di richiesta di aiuto, le cicatrici ne sono i segni evidenti.
Un numero significante di queste persone (i due terzi) lotta con un disturbo alimentare , abuso di alcol o altre sostanze. Spesso è presente un disturbo Borderline di personalità, o altre patologie psichiatriche classificate nel DSM-IV , come Depressione, Disturbo d’Ansia, Disturbo Ossessivo-Compulsivo, Disturbo Post Traumatico da Stress, Schizofrenia nei casi più gravi.
La persona autolesionista riferisce di sentire un vuoto dentro, anestesia e incapacità di sentire emozioni o esprimere i propri sentimenti, terrore delle relazioni. Se vi sono tentativi di suicidio solo una piccola percentuale porta avanti una condotta suicidaria vera e propria. L’autolesionismo resta un modo di fronteggiare le emozioni che non si riescono ad esprimere altrimenti. La rabbia e l’aggressività vengono introiettate, il carnefice, direbbe Freud, viene interiorizzato, e la pulsione di morte (Thanatos) viene rivolta al corpo. Il dolore esterno e auto procurato  diventa un rituale espiante, autopunitivo, ma ha anche un effetto "benefico" in quanto provoca nell'immediato un rilascio di endorfine, provoca una sensazione forte, un picco adrenalinico, al pari dei grossi scommettitori, o di chi si lancia nel vuoto, o di chi praticasesso o sport estremi. Diventa indispensabile, una DIPENDENZA, un gesto violento verso se stessi di cui non si può fare a meno, compulsivo e necessario. Le persone che esprimono tale comportamento spesso parlano di se stesse in termini di odio, disprezzo e totale mancanza di amor proprio. Tale rituale tuttavia, per assurdo, risulta rassicurante, il sintomo rappresenta un’ ancora di salvezza per evitare un male maggiore, la distruzione totale e definitiva. Attraverso il dolore corporeo si ha l’illusione di sentirsi vivi, il male risveglia un corpo intorpidito e congelato, tranquillizza, illude di avere una padronanza, fittizia, su se stessi. L’auto-mutilazione ha un effetto paradossalmente calmante. È una sublimazione di un rilascio emozionale bloccato e represso. Tagliarsi provoca un sollievo momentaneo da una sofferenza interiore ben più devastante. Il dolore riportato sulla pelle è molto più facile da contenere che quello tenuto nel profondo. Nell’infliggersi il dolore c’è l’illusione di poter decidere , di poter controllare, di poter essere liberi di disporre del proprio corpo. Si diventa esecutori materiali di una condanna spesso pronunciata tanto tempo prima da qualcun altro. Un atto di disamore compiuto da una mano esterna, e ora agita da soli, di nuovo: copione macabro, testimonianza di una ferita interiore, mai rimarginata. L 'autolesionismo diventa l’ unico linguaggio possibile:
un urlo rosso sangue.
Ameya G. Canovi

4 commenti:

  1. Chi lo descrive così bene non può praticarlo.
    Conosce perfettamente le cause, farsi del male non avrebbe senso.
    Puoi certamente trovare di meglio.
    Baci

    RispondiElimina
  2. Non sono parole bene, conosco bene i processi mentali che portano a spaccarsi la faccia con un sacchetto di ghiaccio... ci convivo da anni e, anche se ho momenti in cui sto bene, sono una che si taglia e si butta giù dalle scale!!!
    ma grazie un sorriso

    RispondiElimina
  3. L' autolesionismo è il triste epilogo con cui spesso si cerca di sopprimere "un dolore dell' anima" con un "dolore fisico" piu' intenso.

    Il mio saluto

    Axman

    RispondiElimina
  4. Ci sono anime nere, che sporcano e basta.

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento...
Diamante

Utenti connessi