Il mio Diario.

venerdì 4 febbraio 2011

"Quaranta colpi Diamante"


    03 03 2011

..venti colpi Diamante!”

Sì Padrone, vi prego fatemi continuare.”

continuare cosa???”

mio Signore, la mia paura dell'abbandono è cosi forte da...”

... trenta colpi Diamante!”

Sì Padrone grazie, ma...”

ma?... quaranta colpi Diamante!”

Sì , grazie Padrone.”

Penso che quaranta colpi siano pochi, ti sfiancherò con...”.


Dopo avermi spiegato bene il perché della punizione mi aveva ordinato di dargli la buona notte e andare a letto.
Dopo avere ubbidito chiusi la chat e face, ero da sola in casa e nella mia mente continuavo a ripetermi le Sue parole.
Oh le Sue cinghiate non sono carezze, ricordo ancora la prima, ricordo il dolore al fondo schiena per un intera settima.
Bramo e temo le Sue punizioni.
Non riuscivo a non pensare a me, culo in aria, e la faccia sotto i suoi piedi.
Nella mia mente pregustavo le Sua voce, il suo tono calmo e pacato mentre mi puniva, sentivo le Sue carezze darmi sollievo prima del colpo più forte...
Mentre vivevo la mia perversa fantasia, me ne stavo a cosce aperte con il vibratore puntato sul clitoride.
Ero eccitata e vogliosa, sentivo il Suo cazzo premere per scoparmi; le Sue mani che afferravano i miei seni e stringerli con forza.
Sentivo muoverlo su di me e dentro me, mugolavo di piacere, ansimavo e sentivo ogni muscolo contrarsi, un secondo dopo godevo senza ritegno.
Ero sudata e soddisfatta, eppure in molti lo chiamano masturbarsi...
Decisi di dormire cosi, nuda e con la figa sporca dei miei umori e il vibratore sotto il cuscino.
Buona notte Padrone.

Diamante Magnifica.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento...
Diamante

Utenti connessi