Il mio Diario.

lunedì 18 aprile 2011

"Sì, Master."


"Tutta la tua vita,"  egli disse, "sarà ora pervasa dalla sessualità, dalla tua femminilità. La tua vita sarà ora una vita sessuale, una vita in cui la femminilità, per la prima volta, sarà di innegabile e capitale importanza. Sarà una vita in cui essa sarà intensamente centrale." 
"Sì, Master," ella disse. 
"Sarà una vita di totale femminilità, e dedizione, e servizio, e amore." 
"Sì, Master,"ella disse. 
"Il più piccolo compito della tua vita, come pulirai il cuoio del tuo master, come preparerai i suoi abiti, come cucinerai e cucirai, come farai acquisti, come pulirai e laverai, perfino il compito più minuscolo e servile, tutte queste cose diventeranno sessuali, tutte diventeranno espressione della tua femminilità, appropriate e gioiose manifestazioni del tuo amore e del tuo servizio, senza valore, ma impotentemente ed offerti, solamente quelli di una schiava insignificante." 
"Capisco," ella disse. 
"La vita di una schiava femmina," egli disse, "è una vita completamente dedicata all'amore. Non è il frutto di un compromesso. Non è una di quelle vite che sono un po' questo e un po quello. È un modo di vivere totale, una vita completa. La schiava femmina ambisce a dare tutto, altruisticamente, sapendo che ella, poiché è una mera schiava, un animale senza diritti posseduto dal suo master, un animale che può essere comprato e venduto al suo minimo capriccio, non può pretendere niente, perché ella non merita niente, e non ha il dritto neanche alla minima attenzione e considerazione. Nonsono possibili contrattazioni con lei, né patti." 
"Sì, Master," sussurrò la ragazza. 
"Ed è per simili donne," egli disse, "che gli uomini sono pronti a morire." 
(Mercenaries of Gor, p.435-6 USA) 

Trovata nella rete. 

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento...
Diamante

Utenti connessi