Il mio Diario.

giovedì 12 maggio 2011

Il tempo per il dolore


Ero emozionata, un intera settimana senza sentirlo mi aveva sfiancato...
Mi muovevo per la stanza quasi agitata, cercavo di preparare tutto.
Il rumore della sua moto, la porta socchiusa e io in ginocchio.
Lo osservavo spogliarsi e faticavo a trattenermi, il mio bisogno di contatto fisico urlava e lacerava il mio autocontrollo.
Alzati Diamante e spogliati!!!”.
Non riuscivo a ubbidire.
di nuovo Diamante, alzati e spogliati, vuoi venire sotto la doccia vestita?”.
Cercavo di muovermi con calma per non tradire la mia tensione, cercando di indossare il sorriso che Lui meritava.
Nuda di fronte a Lui con le mani incrociate e lo sguardo basso non proferivo parola.
Ultimamente passi troppo tempo in piedi, vai giù inginocchiati, poggia la fronte a terra.”
la Sua voce era calma e i suoi gesti gentili, faticai molto a confessare il dolore di una settimana, la voce mi si rompeva in gola e non volevo piangere; non di fronte a Lui!!!
Rimasi pochi minuti in posizione e poi segui il mio Signore sotto la doccia!!!
Diamante Magnifica.

1 commento:

  1. ...Schiava del suo Signore..ed ancor più Schiava del suo Piacere....

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento...
Diamante

Utenti connessi