Il mio Diario.

venerdì 23 settembre 2011

Tre ore di Sottomissione.


Stanza 117 signora.
Ho sempre odiato quell'ometto con l aria viscida a cui consegnavo i documenti.
Sembrava che mi scrutasse e che cercasse di capire quali perversioni avrei realizzato poco dopo in quella camera. Per me era insopportabile arrivare in quel motel da sola, anche se era tutto molto riservato ed elegante io mi sentivo una puttana di infimo livello pronta a soddisfare le fantasie di un cliente.
Il copione era prestabilito, la porta era socchiusa, le luci basse.

Devo ignorare l'umo seduto sulla poltrona che sta fumando.
Devo dirigermi dritta in bagno, farmi la doccia e indossare il collare.
Devo rimanere nuda, senza profumo, senza trucco, senza gioielli.
Devo tornare in camere come una cagna, non alzare mai lo sguardo e tacere.
Devo rimanere in silenzio anche quando mi viene rivolta la parola.
Devo inserire il vibratore nel culo e appoggiare il viso sulla moquette rossa.
Devo aspettare che i suoi piedi siano davanti alla mia bocca per baciarli.

Di lui non ricordo nemmeno più il viso, ricordo la voce severa con cui mi dava ordini.
Rimanevo sul pavimento ad ascoltare la frusta sulla mia schiena, lui capiva quando stavo per cedere al dolore e si fermava poco prima, mi aiutava sempre a scontare le mie punizioni, non mi ha mai permesso di fallire!!!
Il ronzio del vibratore era un tormento, ma mugolavo come una cucciola ogni volta che lo spingeva dentro con un calcio.
Le sue fantasie si spingevano sempre un po' oltre i miei limiti, la sua ragnatela era una vera opera d'arte...
Il tempo prestabilito era di tre ore, poco prima mi slegava e rimanevo ad aspettarlo con la faccia a terra mentre si lavava.
Ogni volta mi sorprendevo ad aspettare una carezza o anche solo un saluto, ma lui mi passava a fianco si rivestiva e usciva.
Ho anche dimenticato il suo viso dolce e i suoi occhi chiari e freddi.

Devo alzarmi con cautela.
Devo lavare tutti gli orpelli.
Devo ordinare le corde.
Devo bere.
Devo farmi una doccia.
Devo tornare la donna che ero tre ore prima.
Devo aspettare la sua prossima mail.
Devo tacere.

Diamante Magnifica.
23Settembre2011 H22.40 Fe.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento...
Diamante

Utenti connessi