Il mio Diario.

martedì 15 novembre 2011

Perversa io?


In ambito psichiatrico, psicopatologico e sessuologico,
con parafilia (dal greco para παρά = "presso", "accanto", "oltre" e filia φιλία = "amore", "affinità") si intende quell'insieme di manifestazioni della sessualità umana, rivolte a comportamenti o situazioni non direttamente connessi al fine riproduttivo tipico del sesso tradizionale.
Solitamente tali attività vengono considerate soltanto inusuali, senza necessariamente implicare che esse siano "sbagliate" o "malate", al contrario se si manifestano in forme di violenza fisico/psicologica, che comportano la pratica di tali perversioni su soggetti non consenzienti e/o caratterizzate dall'aspetto di dipendenza ossessiva-compulsiva, vengono attribuite ad un quadro patologico.
In mancanza di questi due specifici elementi, Il termine parafilia è stato coniato per sostituire, all'interno di una classificazione scientifica più rigorosa, la vecchia definizione di perversionio deviazioni sessuali, fra le quali erano state incluse anche l'omosessualità e altre forme di sessualità.

(http://it.wikipedia.org/wiki/Parafilia)

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento...
Diamante

Utenti connessi