Il mio Diario.

lunedì 25 giugno 2012

Ad occhi chiusi.


Buona sera Signore.
Ancora una volta non so davvero cosa dirvi, io ero felicissima mentre tornavo a casa.
Lo so che non riesco a parlavi e a guardarvi, non riesco a fare mille cose che dovrei fare e che sembrano semplici.
Mi perdo nei vostri occhi, mi perdo nel desiderio di voi, impazzisco quando mi toccate e mi sento al mio posto, al sicuro nella mia bolla quando ci siete, ma vi temo cosi tanto da non riuscire nemmeno a tenere gli occhi aperti...
Eppure oggi ho fatto un grande salto verso voi.
Dentro il bagno c'era un coltello con lo zenzero e io ero tremendamente attratta, mi vergognavo tanto, mi ero preparata e avevo fatto un pasticcio.
Volevo tagliarmi e scappare, nella mia mente era l'unica soluzione, dovevo vestirmi, andarmene e perdere il collare.
Sono rimasta per voi, perché non posso pensarmi senza voi.
Oggi ci sono state parecchie prime volte, non avevo idea di cosa avevo fra le gambe, non avevo associato lo zenzero al pizzico che sentivo; stavo quasi per venire quando eravate dentro di me e sentivo solo un immenso piacere.
E' stata la prima volta che la ragione, la vostra ragione ha vinto su una mia pulsione.
Voi mi stravolgete, mi calmate, mi fate impazzire e io mi sento una piccola bestiolina insulsa di fronte a voi e vi adoro.
Non passa giorno senza di voi e le mie non sono solo parole.
Sono persa di voi Adorato Signore, il mio collare è sempre più stretto e l'aria che respiro è per voi, non voglio dirvi addio e non voglio perdere il collare.
Mi sento una bambina pronta a giurare " per sempre", ma sono un'adulta che vi regala tutto di sè
Diamante Magnifica
Ferrara25giugno2012.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento...
Diamante

Utenti connessi