Il mio Diario.

mercoledì 24 aprile 2013

Sorrisi spenti.


Mi direte che è solo vetro rotto,
penserete che è sciocco preoccuparsi di conservare ogni pezzo,
per tutti voi non conta il liquido che il bicchiere ha contenuto,
si può buttare via tutto avendo cura di non ferirsi.

La ferita più grande è stata permettere che il bicchiere si rompesse,
fa male sapere che non potrà mai più contenere quel vino cosi rosso e corposo,
anche se quel vino altro non era diserbante e faceva spazio nelle mie viscere per altro dolore,
non potrò più bere il mio veleno.

Non è sempre stato brutto,
quando tutto è iniziato non sapevo fosse sbagliato,
il sapore amaro mi sfidava a resistere ancora un altro po',
sorso dopo sorso è diventato dolce.

Il bicchiere è caduto dalle mie mani,
io ho avuto paura e ho tremato,
è stato lento e doloroso,
mettete via i miei vetri e me.

Diamante Magnifica
Ferrara23Aprile2013h23.58

1 commento:

  1. Un po' come quando mi si sono rotti i giochi di plastica perché la mia testa era dello stesso materiale.

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento...
Diamante

Utenti connessi